In questa pagina potrete trovare notizie su alcune delle attività svolte nel corso dell'anno dai nostri ragazzi, ed alcuni dei loro elaborati.

 

biblioteca cerromaggiore2015Tutti in biblioteca a Cerro Maggiore

Sabato 21 Marzo noi ragazzi di quinta, con alcuni compagni di classe terza, e i nostri genitori siamo andati nella biblioteca di Cerro per ritirare 35 libri che ci hanno regalato, poiché abbiamo aderito al progetto "Aiutaci a crescere, regalaci un libro", promosso dalle librerie Giunti.

Appena arrivati, siamo stati accolti da un volontario di nome Nicolo' e dalla bibliotecaria; costoro ci hanno accompagnati in una bella sala, dove Nicolo' ha iniziato a leggerci una simpatica storiella. Il raccontino parlava di una vecchia signora che si era presa cura di un simpatico serpente di nome Crictor; man mano che leggeva ci ha spiegato i vari aspetti della lettura e ci ha coinvolti nella narrazione.

Poi è arrivata la responsabile del settore cultura: Cristina, una signora molto, molto entusiasta e disponibile. Con lei abbiamo visitato il piano superiore della villa, dove c'era il suo studio ed una bella sala con i dischi in vinile.

Infine, dopo aver risposto a tutte le nostre domande, siamo scesi al piano inferiore e li' ci hanno consegnato tanti nuovi libri!!!! Con molta gioia li abbiamo presi in custodia per portarli a scuola: ci sono libri di narrativa, di scienze, alcuni storici, un vocabolario dei sinonimi, insomma un " prezioso bottino" per la nostra scuola. Per dimostrare il nostro apprezzamento alcuni compagni che rappresentavano gli assessori e il sindaco della "Città dei ragazzi" hanno letto delle brevi riflessioni sull'importanza della lettura libera e creativa. I genitori che ci hanno accompagnato sono rimasti molto soddisfatti; la maestra Emanuela ha detto che la scuola aderirà anche il prossimo anno perché i libri sono " cibo per la mente e per il cuore"!!!

È stato un momento di festa e condivisione molto interessante, al di fuori della scuola ma per la NOSTRA bella SCUOLA. Grazie a TUTTI, grazie alle nostre maestre che ci hanno accompagnato!

Alunni di V - Scuola primaria G.Mazzini - Cislago

foto eclisse

La natura dà spettacolo!

L'arrivo della primavera è coinciso con un sensazionale avvenimento astronomico: l'eclissi parziale di sole (da noi visibile al 72%).

Purtroppo il 20 marzo u.s. il cielo era coperto dalle nuvole, la speranza di vedere l'eclissi era minima o nulla. Poi verso le ore 10,00 il cielo si è aperto lasciando intravedere gradualmente uno spicchio di luna coprire il sole. Qui è esplosa tutta la tensione che i bambini avevano accumulato per l'attesa, un corale e bel "ohhh..." ha sovrastato la piazza. A poco a poco il cielo si è totalmente aperto lasciando intravedere quel magico spettacolo che la natura ci dona.

Tutti gli alunni presenti hanno potuto ammirare il fenomeno con gli appositi occhialini ed anche attraverso un telescopio messo a disposizione dal gruppo "ScientificaMente" di Cislago.

Un grazie doveroso va al sig. Crespi e all'astrofilo sig. Borghi che pazientemente hanno, dapprima spiegato agli alunni con parole semplici cos'è un'eclissi e poi via via li hanno guidati all'osservazione con il telescopio.

Per tutti coloro che non hanno goduto di questo momento ricordiamo che il prossimo appuntamento avverrà il 2 agosto 2027.

LE IMPRESSIONI SULL'ECLISSI - classe 3B

Venerdì 20 marzo, abbiamo vissuto un'esperienza fantastica: l'eclissi solare.

Il sig. Crespi ci ha dato degli occhialini solari, non comuni, le lenti erano di un materiale speciale che filtrava la forte luce del sole. L'evento è accaduto in piazza a Cislago, ci hanno fatto provare anche degli oggetti scientifici. All'inizio il tempo era nuvoloso ma dopo il cielo si è aperto, le nuvole sono scomparse e da una finestrella è uscito il sole. Tutti abbiamo gridato "Ohhhhhh!" E' stato meraviglioso, non volevamo rientrare in classe. Mentre eravamo lì abbiamo visto montare le campane; la piazza era piena di gente che guardava all'insù.

                                                                                                                                                                                                           ALESSIO e MICHAEL M.

L'ESPERIENZA IN PIAZZA     Classe 3A

Quando eravamo in piazza ad ascoltare le spiegazioni di quello che avremmo visto per la "prima volta" ero molto curioso. Quando finalmente ho visto l'eclissi mi sono emozionato perché è stato molto bello!       FRANCESCO

Ad un certo punto gli "astrofili" ci hanno detto che le nuvole si stavano aprendo e che si poteva vedere l'eclissi. Si vedeva solo uno spicchio di sole perché il resto era coperto dalla luna. Io mi sentivo molto felice ed emozionata perché era la prima volta che assistevo ad un fenomeno così straordinario!        CECILIA


La parte che mi è piaciuta di più è quando ho scoperto che per guardare l'eclissi servivano degli occhiali. Ero talmente felice che volevo raccontarlo a tutti i miei famigliari.     MATTEO


Il sole era diventato come un "quarto di luna". Ho provato gioia e felicità per aver partecipato ad un evento mai visto in vita mia!   VALENTINA


Una volta arrivati in piazza ci hanno avvertiti che la prossima eclissi sarà nel 2026 cioè tra 11 anni! Questa esperienza è stata bellissima, non vedo l'ora che arrivi il 2026.         OLIVIA

 

LABORATORIO L'ARCOBALENO DELLE EMOZIONI

E' iniziato nel mese di novembre nelle classi terze, il laboratorio di educazione socio-affettiva, guidato dal Dr.Mattia Ramella che aiuterà i bambini, con l'utilizzo di una storia, ad entrare nel mondo delle emozioni e ad aprirsi a quelle dei compagni. Anche i genitori saranno coinvolti attraverso la proposta di piccoli giochi a casa con i loro figli.

 

HALLOWEEN WORKSHOP ALLA SCUOLA PRIMARIA

Le classi terze della scuola primaria, anche quest’anno nel mese di ottobre, sono state coinvolte in una attività laboratoriale.
L’educatrice britannica “witchy Paulette” ha interagito con i bambini in lingua inglese coinvolgendoli in attività ludiche (racconti, indovinelli e canti). 

 

ACCOGLIENZA DEI BAMBINI DELLE CLASSI PRIME

  La mattina del primo giorno di scuola, i “veterani” di quinta elementare hanno accolto i nuovi arrivati con tanta allegria e tanti colori. Tutti i bambini si sono diretti nella palestra della scuola, dove, insieme ai loro genitori, si sono scatenati sulle note dei balli di gruppo. Poi è arrivato il turno delle insegnanti, che hanno formato le nuove classi prime, attraverso una gioiosa cerimonia. Quando veniva chiamato un primino, tutti i ragazzini di quinta, con in mano un fiore costruito da loro stessi, camminavano verso l’emozionatissimo bambino per dargli il fiore, simbolo di un passaggio di testimone. Tanti sono stati quelli che, altrettanto emozionati, hanno deciso di donare il loro fiore a un fratellino o una sorellina che si apprestavano ad iniziare l’avventura che loro invece stanno per terminare. Per l’occasione, anche la Dirigente Scolastica e il Sindaco dei Bambini hanno dato il loro benvenuto ai nuovi arrivati. Dalla palestra, i piccoli, accompagnati dai più grandi, si sono diretti nelle loro classi, dove hanno iniziato le lezioni.

 

IL PRIMO GIORNO DI SCUOLA VISTO CON GLI OCCHI DEI BAMBINI DI PRIMA ELEMENTARE

“ Che bello il primo giorno! Ci è piaciuto tanto quando i bambini grandi ci battevano le mani sullo scivolo mentre camminavamo con i nostri genitori, quando abbiamo ascoltato le parole al microfono in palestra e quando abbiamo cantato tutti insieme. Ci siamo sentiti un po’ vergognosi e importanti quando il bambino grande chiamava il nostro nome e quando le mamme e i papà ci hanno accompagnati in classe. È stato divertente colorare e scrivere il nostro nome sul segnaposto del banco e fare il disegno sul quaderno. È stato bello anche fare merenda tutti insieme in classe, ma il momento più emozionante è stato quando la maestra Valeria ha scritto sulla lavagna col gesso, e noi abbiamo copiato sul nostro quaderno.”

Tutti insieme, i bambini di Prima A

  

Il primo giorno di scuola per noi bambini di 1 B è stato pieno di emozioni molto forti.
Quando siamo entrati a scuola insieme ai nostri genitori, ci hanno accolto con un grande applauso i ragazzi delle 5, le loro maestre e le nostre future insegnanti.
Nella palestra ci attendeva una simpatica maestra di nome Virginia che ci ha dato il benvenuto al microfono. Noi eravamo emozionati quando ci ha chiamato per nome…non volevamo lasciare la mano dei nostri genitori, ma ,al tempo stesso, eravamo curiosi e contenti di avvicinarci alla nostra maestra Elisa che ci ha accolto con un abbraccio e ci ha accompagnati nell’aula.
E’ arrivato poi il momento in cui i nostri genitori sono andati via…li abbiamo salutati in modo sereno, sicuri che li avremmo poi rivisti al suono della campanella.

I bambini di 1B

 

  

 

FANTASTICHE CREAZIONI

Liberamente ispirato a "LE QUATTRO STAGIONI" di A. Vivaldi

Laboratorio di ARTE e MUSICA 

Classi 2A - 2B

 

     

PROGETTO LEGALITA'

Visita alla CASERMA DI POLIZIA di Bresso - Milano 

Classi 2A - 2B

Classi 3C - 3D

 

 

Una lezione interessante e divertente sul mondo dei dinosauri.

 A scuola con i paleontologi

 

 E-Twinning nella nostra scuola

E-Twinning, il portale europeo dei gemellaggi elettronici tra le scuole, contribuisce a creare e a rafforzare un sentimento di cittadinanza europea e apre alla dimensione comunitaria dell'istruzione.

Da quest'anno la Scuola Primaria "G. Mazzini" ha voluto aderire al progetto attraverso due percorsi simili, riguardanti le tradizioni natalizie dei diversi paesi europei. La lingua utilizzata è l'inglese.

Per un approfondimento dell'interessante iniziativa vi invitiamo a prendere visione del link sottostante.

E-Twinning project

 

Di seguito riportiamo i link dei lavori realizzati da alcune classi.

Classe 4 A   Classe 4 C

Classe 5 B   Classe 5 C

 

Scuola Primaria: Halloween workshop

Nel mese di ottobre 2013 gli alunni delle classi terze, quarte e quinte sono stati coinvolti in attività laboratoriali sul tema di Halloween, aspetto legato alla cultura del mondo anglosassone.
Le attività, condotte in collaborazione delle insegnanti di lingua inglese della nostra scuola, sono state proposte dal British College di Gallarate e dirette da “Paulette”, insegnante madrelingua.
Tali workshop hanno trovato fondamento nei principi:
- del Learning by doing, poiché i bambini hanno potuto sperimentare l’uso della lingua nella realizzazione di un compito reale;
- della didattica inclusiva, poiché tutti gli allievi hanno potuto partecipare in rapporto alle proprie possibilità ad attività comuni, sperimentando livelli di autonomia personale e abilità di peer education. 
Altri elementi rilevanti dell’esperienza sono stati l’entusiasmo, la partecipazione e il forte coinvolgimento degli allievi nelle attività proposte.

M. L. Coniglio e C. Tino ,insegnanti di Inglese della Scuola Primaria

 

Ecco alcuni commenti ed impressioni raccolti tra i ragazzi delle classi quinte che hanno partecipato al laboratorio:
“La nostra teacher inglese entrò travestita da strega inquietante: indossava un cappello da strega rosso e viola, pantaloni e maglietta neri con un enorme fiocco di tulle annodato sui fianchi. Era molto slanciata e snella e, sotto quel cappello, aveva un ammasso di capelli corvini lunghissimi legati in piccole treccine chiuse in una coda. Le sue labbra erano molto carnose ed aveva un rossetto rosso fuoco. Il suo viso allungato sembrava quello di una leonessa, attenta, in cerca di nuove “prede” a cui fare domande. Parlava in modo molto amichevole, con una voce suadente e molto profonda e, naturalmente, solo in perfetto Inglese. Noi eravamo molto emozionati: ci sembrava di essere proprio a Londra. La signora Paulette era soprattutto paziente perché, anche se lei parlava molto bene, noi riuscivamo a capire solo attraverso i suoi gesti. Ogni tanto, di mala voglia, ci suggeriva qualcosa in Italiano, ma non mollava: voleva che imparassimo la sua madrelingua. Abbiamo ascoltato facendo anche fatica perché era difficile, dalla sua pronuncia, capire quello che ci spiegava, ma siamo riusciti ugualmente ad eseguire i lavori divertenti che ci ha proposto e a capire le schede che ci ha presentato. Alla fine, le due ore erano passate in un attimo e Paulette ci ha salutati, lasciandoci con un po’ di rimpianto perché, pur avendoci visti per la prima volta, aveva imparato molti nostri nomi, ci aveva capiti e, facendoci divertire ci aveva fatto imparare tanto! Speriamo di poter ripetere anche alle medie un’esperienza così coinvolgente.” – Lara, Saverio, Alessandro, Amedeo, Matteo, Cecilia, Christian B. ed altri
Da questi e da altri pensieri dei ragazzi di quinta possiamo tranquillamente dedurre che l’esperimento di laboratorio proposto nelle nostre classi terze, quarte e quinte abbia riscosso successo e richiesta di proseguimento da parte dei ragazzi.

La coordinatrice didattica, Insegnante Maria Adele Banfi