8 Settembre 2016: ACCOGLIENZA DEI BAMBINI DELLE CLASSI PRIME

Grandi emozioni per i bambini della scuola primaria che quest'anno frequenteranno la prima. Sono stati accolti dal nuovo Sindaco Cartabia e dall'Assessore Campanella per il taglio del nastro. Tutti insieme in un grande gruppo si sono messi in posa davanti ai loro genitori per qualche foto ricordo, curiosi di conoscere le nuove maestre. Come consuetudine, i ragazzi di quinta li hanno accolti con un lungo e scrosciante applauso lungo il corridoio, accanto alla palestra. Dopo il messaggio augurale della Dirigente, i ragazzi hanno "passato il testimone" ai nuovi arrivati, dando a ciascuno di loro un disegno da colorare personalizzato che avevano preparato in classe. Tanti bellissimi aerei come simboli del particolare  momento di accoglienza dal tema "Solide radici, ali per volare..." 

Le insegnanti augurano a questi piccoli e ai loro genitori un sereno e avvincente percorso presso la scuola primaria.

Galleria foto

 

 

COMMEMORAZIONE DELLA GIORNATA DELLE FORZE ARMATE

 

Domenica 6 Novembre gli alunni del nostro Istituto Comprensivo, accompagnati dagli insegnanti e dalla Dirigente, hanno partecipato alla Celebrazione della Festa dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate (IV Novembre). Alle Autorità e ai cittadini presenti, dopo un discorso introduttivo del Sindaco dei Bambini, i nostri ragazzi hanno esposto le loro riflessioni attraverso pensieri, poesie sul tema della Pace, della Liberta’, della Vita. Alla fine hanno intonato la “Canzone del Piave e l’Inno di Mameli”, guidati dal Capobanda. Il lavoro è stato apprezzato da tutti i presenti.                                                         

                                                                                                                                                                                                                                                                            Insegnanti quinte

DISCORSO DEL SINDACO DEI RAGAZZI

Per noi alunni, la celebrazione del 4 novembre rischia di essere un fatto molto lontano, ma grazie alle maestre, alle testimonianze dei bisnonni ed anche ad Internet, riusciamo a comprendere la forza e l’importanza del sacrificio compiuto dai tanti soldati per un ideale grande: l’Unità d’Italia. Mi dispiace a volte vedere persone che sporcano, bivaccano ai piedi di questo monumento. Il milite ignoto è il simbolo di gente semplice che a casa non è mai tornata, ma ha combattuto per la casa di tutti noi: la nostra Patria!                                           Oggi vediamo in televisione immagini di guerre, sentiamo parlare di divisione, di stragi, di prevaricazioni di uomini dello stesso paese. Non conosciamo le vere ragioni di tanto odio, noi siamo solo giovani capaci di parlare in modo semplice di amicizia, di rispetto, di unione nelle famiglie, a scuola, nello sport, nel paese. Per onorare la sofferenza dei caduti della Prima Guerra Mondiale, per esprimere il disagio verso tutti gli innocenti, che ogni giorno subiscono la crudeltà della guerra, noi ci impegniamo a crescere e condividere i valori universali dei soldati, delle donne e dei bambini di oggi e di ieri, caduti per testimoniare e difendere il diritto alla pace, alla libertà, alla vita. Lascio la parola ai miei amici che vi leggeranno delle poesie scritte da loro.    

                                                                                                                                                                                                                         Sindaco del Consiglio Comunale dei ragazzi                                 Galleria                                                                                                                                                                                                            Riccardo Palella

                                                                                                                                                                                                                                    

Poesie PDF

 

  NUOVE ELEZIONI PER IL C.C.R.

Il giorno 14 febbraio u.s. si è rinnovato il C.C.R.

Io, in qualità di Sindaco dei ragazzi, insieme ai miei amici Assessori, sono andato nella sala consiliare del Comune, per accogliere i nuovi Assessori eletti il giorno 7 febbraio.

C’erano varie autorità: il Sindaco, la nostra Preside e gli Assessori, che ci hanno accolto e hanno ascoltato le nuove proposte.

Come sempre è stato un momento piacevole e interessante.

Sono sicuro che lavorerò con questi nuovi amici: fra tante idee ci piacerebbe vedere i nostri parchi più puliti, con giochi sicuri e ben tenuti.

                                                                                                                                                                  Riccardo Palella

                                                                                                                                                                 Sindaco del C.C.R.

Foto                                                                                                                                                                                   

                                                                                                                    

UNO STRABILIANTE SPETTACOLO DI NATALE

Noi ragazzi di quinta abbiamo fatto una strabiliante recita di Natale. Eravamo molto emozionati e preoccupati, ma ne è valsa la pena perché ci siamo divertiti tanto. Eravamo anche molto nervosi e l’attesa dietro le quinte era decisamente snervante. È stata la prima volta che abbiamo preso uno spettacolo con molta serietà. Indossavamo costumi, avevamo battute complesse, preparate da noi, tutte racchiuse in un lungo copione. La collaborazione delle nostre maestre è stata fondamentale. Noi ci siamo divertiti e i nostri genitori si sono emozionati molto. Abbiamo affrontato il senso del Natale in modo diverso, ma ugualmente significativo: dei ragazzini “bulli”, grazie al dono di un mendicante, hanno scoperto i loro talenti; quello più prezioso è l’amore che ciascuno mette per realizzare al meglio le proprie capacità. Abbiamo anche creato un filmato dove sono stati espressi i nostri pensieri per avere un mondo migliore, fondato sulla pace e sul rispetto. È stata un’esperienza davvero bella.

                                                                                                                                                                                                                                         Inas, Olivia, Giulia Mi, Cecilia, Serena 5^A

 

STOP AL BULLISMO

POSSIAMO FERMARLO.

Da cinque anni, in classe, parliamo del bullismo, purtroppo non è facile riuscire a risolvere un problema così importante.

È necessario far capire ai bulli che con la violenza non si risolvono i problemi. Anche chi non agisce di fronte a scene di bullismo, può essere considerato tale.

È quindi importante saper riconoscere il bullismo e cercare di contrastarlo senza mai arrendersi.

I ragazzi che si comportano da bulli, devono essere aiutati e ascoltati perché le cause che li spingono a compiere atti di bullismo sono banali.

È fondamentale, per risolvere il problema, che i ragazzi vittime di bullismo non stiano in silenzio, ma che consultino un adulto. Non bisogna avere paura.

Parlarne è la soluzione migliore, questo è il consiglio che noi, come classe, possiamo dare. 

                                                                                                                                                                                                                              Cecilia, Olivia, Giulia Mi, Serena, Francesco 5^A 

 

UN DOPOMENSA SPECIALE

GIOCO LIBERO

Noi alunni delle 40 ore ci fermiamo a scuola per il pranzo. Nel dopo mensa ci divertiamo facendo diverse attività e giochi in aula o in cortile, se il tempo lo permette.

Il mercoledì per noi è un giorno molto speciale perché con la maestra Serena andiamo in palestra a fare gioco libero: calcio, basket, pallavolo e altri giochi.

Abbiamo imparato che è bello vincere, ma che a volte si deve anche accettare la sconfitta; soprattutto abbiamo imparato a stare insieme anche se qualche volta, durante le partite, capita ancora di litigare.

In queste ultime settimane di scuola, abbiamo in mente moltissimi progetti da realizzare. Abbiamo l’idea di fare un torneo di tutti gli sport che facciamo anche in palestra durante le lezioni di attività motoria.

Anche se non riusciremo sicuramente a realizzarli tutti, siamo molto contenti di avere la possibilità di andare qualche volta in più nella bellissima palestra della nostra scuola.

                                                                                                                                                                                                                                                                          Fabio, Luca e Walid 5^A

 

LEZIONI SCOLASTICHE

ASCOLTARE LE MAESTRE È FONDAMENTALE

I ragazzi della scuola “G. Mazzini” hanno capito che per avere una mente sana e forte devono seguire le lezioni e ascoltare con attenzione le maestre che hanno il compito di insegnar loro, o meglio, di aiutare i propri alunni ad imparare e soprattutto mettere in pratica delle regole importanti, anche per la vita futura.L’attenzione è fondamentale per capire e imparare bene: aiuta molto il “sapere”. Quest’anno siamo riusciti a realizzare molti progetti interessanti con diversi esperti; abbiamo portato a termine, nelle diverse materie, quasi tutte le attività previste nel programma. Durante le lezioni, il rispetto e l’ascolto sono stati basilari. Con alcune buone regole si può stare bene insieme e la scuola potrà sembrare a tutti sicuramente più divertente.

                                                                                                                                                                                                                                                      Matteo, Mara, Valentina, Emma 5^A

 

UN INCONTRO PER CRESCERE

Nei giorni del 10 e 11 Aprile, noi ragazzi di quinta abbiamo avuto la responsabilità ed il piacere di accogliere i bambini della scuola materna. Abbiamo parlato loro di convivenza, leggendogli una fiaba intitolata “Le tre principesse” che parlava di amicizia e di pace. Sono stati impegnati un paio d’ore. Ognuno di noi aveva il compito di accogliere un bambino e, terminata la lettura, di aiutarlo a colorare e ritagliare un lavoretto che rappresentava il castello della storia. I piccoli ci sembravano molto felici e partecipavano con entusiasmo alle attività che gli venivano proposte. Dopo la nostra breve ma simpatica drammatizzazione della storia, i piccoli sono tornati alla scuola materna, contenti di aver imparato una nuova fiaba, di aver visto i personaggi sulla Lim e soprattutto di aver conosciuto delle nuove maestre. Noi grandi, invece, già pensavamo alla conclusione di questa nostra avventura, dovendo lasciare le nostre care maestre ai futuri primini.       

                                                                                                                                                                                                                        Nicola, Marco, Samantha, Vincenzo, Cecilia, Olivia 5^A

 

CURIOSITA’ E IMPRESSIONI SULLA MENSA DELLA SCUOLA

La mensa per noi ragazzi è una grande opportunità per restare a pranzo insieme. Siamo seduti attorno a grandi tavoli; dopo esserci accomodati aspettiamo l’arrivo del primo piatto, chiacchierando e giocando con i nostri amici. Il cibo della mensa per alcuni non è molto gradevole. Il pasto principale è composto da un primo, da un secondo con contorno e dalla frutta, talvolta sostituita da dolci. Nei periodi di festività particolari ci servono dei cibi tradizionali come mini panettoni, piccole uova di cioccolato e in alcune settimane stabilite quelli tipici regionali, variando così i soliti menù. A volte la frutta non è il massimo, come è appena successo quando le pere, non essendo ben mature, erano dure come dei sassi. Le maestre ci dicono di assaggiare i cibi, anche se questo non lo fanno tutti: molti bambini si limitano all’aspetto di alcuni cibi come le minestre o le zuppe per dire che non piacciono. Un giorno, dopo pranzo abbiamo pensato di intervistare alcune cuoche tra cui la signora Grazia e le altre cameriere. Sono state molto disponibili; ecco quello che ci hanno detto alla nostra domanda: “Cosa ne pensate della qualità del cibo che servite in tavola?” Loro hanno risposto che è di ottima qualità, dato che viene controllato da varie associazioni, tra cui l’Asl”.                                                 Un’altra domanda è stata: “Vi sentite in colpa quando alcuni bambini si lamentano perché trovano peli, capelli o altri piccoli corpuscoli nel cibo?” Ci hanno risposto che, fortunatamente, per quest’anno non è ancora capitato di sentire queste lamentele. A noi ragazzi però piacerebbe che alla mensa ci venisse servito del cibo di qualità e più gustoso: come primo piatto, spaghetti al pomodoro, pizzoccheri o pasta con tonno e come secondo, cotoletta impanata, patatine fritte con ketchup e maionese, dato che per noi sono pietanze davvero buone.

                                                                                                                                                                                                                         Emma, Michele, Nicola, Giulia Mu, Simone, Matteo 5^A

 

         

RICORDI DI CINQUE ANNI PASSATI INSIEME

LA QUINTA E’ FANTASTICA

Noi pensiamo davvero che la quinta sia una classe fantastica perché ci fa pensare e riflettere sul fatto che stiamo diventando sempre più grandi e l’idea ci piace molto.

Il quinto anno è sicuramente impegnativo a livello scolastico e il carico di studio è maggiore, per prepararci ad affrontare gli anni che seguiranno.

Ma in quest’ultimo anno è importante essere un gruppo unito per vivere queste ultime emozioni che ci accomunano al massimo.

Ringraziamo le nostre maestre che ci hanno sostenuto e accompagnato in questo percorso fatto di momenti belli e brutti. Hanno dimostrato altruismo, pazienza e per questo le apprezziamo molto.

Noi ragazzi di quinta siamo molto entusiasti di aver passato questi cinque anni in compagnia dei nostri amici e delle nostre maestre.

Ci porteremo questi anni sempre nel cuore, anche alle scuole medie, dove dovremmo fare nuove amicizie e iniziare un nuovo “viaggio”.

Di sicuro ci rassicurerà molto pensare a questa nostra prima, unica e indimenticabile avventura passata alle elementari.

                                                                                                                                                                                                                                                                         Giulia Mu, Giulia Ca, 5^A

 

Dall'Animatore digitale

In partenza i nuovi corsi Generazione Web, aperti a TUTTI i docenti a prescindere che facciano o meno parte del team per l'innovazione digitale, che siano di ruolo o precari.

Attenzione: le iscrizioni ai corsi di Gennaio sono già aperte! Varie sedi, tra cui Saronno, Gallarate, Varese.

Leggi tutto!