maggio: nelle classi prime si parla di ambiente...

cartellone sull'acqua della classe 1d, anno 2015

Rieccoci nelle classi prime, dove nelle ore di scienze si continua a parlare di ambiente e dei suoi problemi. Alcune classi hanno riassunto quanto appreso realizzando dei grandi cartelloni.

In particolare, segnaliamo la classe 1D. con questo colorato e interessantissimo elaborato; complimenti a tutti e soprattutto a: Beatrice, Marta e Alessia!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

11 e 18 novembre: un giro del mondo... in 80 minuti!

Le classi prime medie al percorso "Ambienti del mondo" del Museo di Storia naturale di Milano.

L'11 novembre siamo andati in gita al Museo di Storia naturale di Milano per vedere i diorami. Un diorama è una ricostruzione di un ambiente [...] Il fondale è dipinto a mano, serve per ambientare la scena ed anche per far sembrare il diorama più grande; è dipinto da abili pittori che ricopiano una fotografia. Nei diorami ci possono essere elementi veri, perché si conservano, come la sabbia; ma anche altri rifatti in materie plastiche, se invece non si conservano, ad esempio l'acqua (riprodotta in plexiglas). Ci possono essere anche delle eccezioni, per esempio una roccia gigantesca difficile da trasportare può essere ricostruita.[...] La maggior parte degli animali sono veri ma non imbalsamati, come tanti credono. Gli occhi sono finti, la pelle è conciata, lo scheletro bollito ed esposto a parte, mentre al suo posto, a sostenere la pelle, c'è un manichino di plastica.[...] Questo processo di conservazione si chiama tassidermizzazione. Prima gli animali erano imbalsamati e pesanti, perchè non veniva tolto lo scheletro e venivano riempiti di paglia o stracci. Se l'animale è grandissimo oppure è raro può essere rifatto del tutto in plastica, ma anche se la pelle è troppo sottile, come quella dei pesci, o troppo spessa, come quella dei rinoceronti.

[...] Nella foresta equatoriale c'è una grande biodiversità, cioè tante specie vegetali ed animali (sono così tante che gli scienziati non sanno il loro numero!)

Federico, 1A

La guida ci ha fatto notare che gli animali che vivono al freddo, per esempio gli orsi polari, hanno le orecchie piccole per mantenere il calore corporeo, menrtre quelli che vivono in zone calde, come gli elefanti, le hanno grandi per disperderlo.

Franco, 1A

Abbiamo visto che un ambiente può cambiare nel tempo, la guida ce l'ha fatto notare in un diorama che raffigurava il deserto: c'era una roccia con delle incisioni umane raffiguranti giraffe, perchè prima in quel luogo non faceva così caldo ed il clima permetteva la vita di questi animali e degli uomini che le hanno rappresentate.

Riccardo C., 1A

La tundra è un ambiente aperto e privo di alberi alti. Perchè? Per la presenza del permafrost (ghiaccio perenne) nel sottosuolo, che non permette lo sviluppo di grosse radici e per i forti venti che soffiano tutto l'anno.

Mattia, 1A

(La guida) ci ha spiegato anche un'altra cosa che non sapevo: le foglie in natura sono sempre gialle o arancioni, solamente che in autunno per il clima più freddo perdono la clorofilla che dà loro la tonalità verde. 
Un'altra cosa che mi ha molto interessato è stato sapere perchè i castori, che vivono nella taiga, costruiscono le dighe. lo fanno perchè da un lato si crea una parte artificiale chiusa, dove loro vivono e proteggono i loro piccoli.

Francesca P., 1A

Poi siamo scesi al secondo piano e lì abbiamo visitato le sale sugli Invertebrati. Abbiamo osservato in particolare le vetrine dedicate al mimetismo, oltre a varie specie di insetti, ed abbiamo capito la loro utilità e a che scopi vengono utilizzati.[...]

A parte dei piccoli inconvenienti è andato tutto bene e le professoresse sono state orgogliose di noi. Peccato però che non siamo riusciti ad andare nel negozio di souvenir: mi sarebbe piaciuto poter acquistare un  piccolo ricordo di questa prima mattinata in gita con la mia classe!!

Anna C., 1A

4 ottobre: Giornata della Pace

Come lo scorso anno, la nostra scuola ha proposto delle attività in occasione di questo momento speciale. Alcuni ragazzi propongono questo interessante resoconto.

 

 

La giornata della Pace, fraternità e dialogo per noi di 3°D è incominciata con la visione di un documentario che mostrava nei particolari la vita di Yasser Arafat e di Isaac Rabin. Poi ognuno di noi ha preparato una ricerca contenente informazioni prese dal video visto e delle altre prese da internet. Una volta completate le ricerche, il professore ci ha aiutato ad unirle in un'unica grande presentazione. Arrivato il 15 ottobre, la data dell’incontro, ci siamo ritrovati in auditorium con le altre classi terze, per parlare dei fatti attuali e degli avvenimenti che hanno interessato Siria, Palestina e Israele, dei quali si vede tanto discutere sulla stampa. Dopo una presentazione generale, i diversi gruppi hanno illustrato i vari lavori sui cartelloni o sul computer. Questi lavori trattavano di diversi aspetti o personaggi  tra cui: Yasser Arafat, Isaac Rabin, la questione ISIS, il conflitto tra Palestina e Israele e la storia di Malala. Ecco alcune impressioni raccolte tra i nostri compagni delle altre classi terze.    

 

3°A

D: “Di che cosa avete parlato in classe e che lavoro avete esposto?”
R: “Noi abbiamo parlato dell’ ISIS, di come si è formata, della sua espansione e di quali obiettivi persegue. Abbiamo deciso di creare un cartellone dove abbiamo incollato una rassegna stampa e abbiamo scritto la storia dell’ ISIS, disegnando anche la sua bandiera”.

D: “L’incontro che abbiamo fatto è stato utile per voi?”
R: “Si,perché ci ha aiutato ad aprire la mente su quello che succede nel mondo”.    

3°C

D: “Sappiamo che voi avete trattato della Palestina e di Israele: cosa vi rimane di questo lavoro?”.
R: “Da oltre sessanta anni Palestinesi e Israeliani sono in lotta per conquistare una terra che i primi chiamano Palestina e gli altri Israele. Ad oggi non sono riusciti ancora a trovare un compromesso accettabile da entrambi i popoli.  A mano a mano le lotte sono andate avanti e hanno prodotto molte migliaia di morti tra cui molti bambini. Per esporre questi fatti ci siamo documentati, prendendo informazioni da video e alcune dal libro di storia. Anche noi abbiamo fatto un cartellone con una rassegna di foto , delle nostre riflessioni e frasi di  Grossman”.

D: “Vi è piaciuto ascoltare le presentazioni delle altre classi? Avete imparato anche cose nuove?”
R: “Si,ci è piaciuto ascoltare le altre presentazioni che erano anche molto interessanti. Insomma abbiamo imparato con un modo diverso di fare lezione”.  

3°B

D: “Che cosa avete fatto in classe e che cosa avete esposto all’incontro?”
R: “Noi abbiamo fatto un tema che parlava della pace e di Malala, una studentessa pakistana che ha intrapreso una lotta per affermare i diritti femminili e nel 2014 ha ricevuto il premio Nobel per la pace. Abbiamo scelto il tema che ci sembrava il più significativo e lo abbiamo letto in auditorium. Per noi questo lavoro è stato molto interessante: ci siamo resi conto che le cose che succedono nel mondo possono coinvolgere pure noi e abbiamo riflettuto sul fatto che ci dobbiamo sentire fortunati perché, mentre noi stiamo bene, in altre parti del mondo c’è gente che soffre per le guerre”.   

Greta Vitali con la collaborazione di: Kejsi Domi, Claudia Gerace

 

 

11 e 12 settembre:

Benvenuto alle classi prime! Le attività di accoglienza

Nei primi due giorni di lezione, agli alunni delle nuove classi prime sono state proposte delle attività pratiche e ludiche per facilitare l'inizio del loro percorso di studio nella nostra Scuola.

Giovedì 11 i ragazzi, con i loro genitori, sono stati accolti dalla nuova Dirigente dell'Istituto in auditorium; quindi le insegnanti hanno raccolto le quattro classi che, dopo un saluto (con qualche batticuore) a mamme e papà, si sono recate nelle rispettive aule.

È stato proposta la lettura di una simpatica favola, ambientata in un bosco, sul tema dell'amicizia, del saper accogliere i nuovi arrivati e della collaborazione. I ragazzi hanno colto molto bene il senso del racconto, sviluppando una serie di riflessioni e portando precedenti esperienze ed aspettative per il nuovo cammino che stanno iniziando. Hanno quindi realizzato un disegno, dove ciascuno si è rappresentato come una creatura del bosco, scrivendo come pensa di poter contribuire al benessere del gruppo (qualcuno facendo sempre riferimento alla favola, altri pensando già alla scuola). Poi i disegni sono stati raccolti su cartelloni, creando colorati  "boschi" peri ogni classe!

Venerdì 12 invece ogni alunno si è presentato creando il cartellino col proprio nome da lasciare sul banco, in modo che i nuovi compagni ed i professori possano imparare a conoscerli più facilmente; da un lato il nome è stato scritto in modo chiaro, in stampatello, ma dall'altro ognuno ha potuto esprimersi liberamente, secondo il proprio stile!

Successivamente i ragazzi si sono potuti "scatenare" in palestra con giochi e gare tra classi; lo sport è sempre uno dei mezzi migliori per imparare a collaborare e a stringere amicizia tra compagni, ma anche gli avversari vanno sempre rispettati! Inoltre, viene data molta importanza al rispetto delle regole, indispensabile per convivere in armonia nelle nuove classi.

Infine, dopo la foto di gruppo, la desideratissima merenda tutti insieme, nel grande prato che circonda la nostra palestra; la giornata si è chiusa in auditorium con un simpatico film su una scuola molto speciale... una scuola di rock! 

 

Ecco alcuni commenti degli alunni protagonisti di queste giornate:

“Ieri è stato bellissimo, a dire il vero ero un po’ emozionata ma sono stata accolta benissimo: i professori  finora conosciuti sono molto simpatici e le attività divertenti. Sono felicissima di essere qui alle medie”  (LARA GARBO)

“L’impressione sul primo giorno di scuola media è stata molto positiva perché io, e penso anche i miei compagni,  ci siamo divertiti molto” (NICOLO’ PEDRETTI)

“ Ieri, nel primo giorno di scuola, sono stato molto felice dell’accoglienza anche se mi tremavano le gambe. Abbiamo conosciuto prof molto bravi ed è stato molto bello."(SAMUEL BANCI)

"Ieri, quando sono arrivata a scuola, ero un po’ a disagio perché non conoscevo nessuno e avevo paura degli insegnanti; però, durante tutte le ore, ho scoperto che gli insegnanti non sono poi così cattivi e ho conosciuto tanti ragazzi." (CHIARA MONDINI)

"Il giorno giovedì 11 settembre 2014 è iniziata la scuola media!!!! Appena arrivata ero molto agitata e ho provato tante sensazioni incredibili ma è stato molto bello, indimenticabile."(ALESSANDRA CALOIA)

"L’impressione del primo giorno di scuola media è stata molto positiva: le professoresse sono state molto gentili ed accoglienti con noi, è stato anche molto divertente. Farò nuove amicizie." (EDOARDO LAZE)

"Grazie per la vostra accoglienza! All'inizio ero un po’ spaventata ma la paura è passata: grazie!" (BEATRICE DE ANGELIS)

"Il primo giorno di scuola è stato molto bello e divertente in particolare mi è piaciuto quando con la Prof.ssa Canti abbiamo fatto dei cartelloni con i nostri disegni e divisi in gruppi. Ieri mattina ero molto emozionata e, quando hanno aperto le porte, siamo andati tutti in auditorium e la Prof.ssa Tranchina ha chiamato la 1B e poi siamo andati in classe e la prof ci ha letto una storia che poi abbiamo illustrato. Poi è arrivata la Prof.ssa Canti e abbiamo fatto il cartellone ed infine è arrivata la prof.ssa di matematica che ci ha spiegato cosa avremmo fatto oggi”" (CLAUDIA PORTA)

"Il mio primo giorno è stato bellissimo perché ho conosciuto tre prof e anche per il divertimento nel disegnare, incollare e ascoltare" (CECILIA MOLTRASIO)

"Il primo giorno di scuola è stato stupendo. All’inizio ero un po’ emozionata perché non sapevo come erano i professori e chi avevo in classe. Appena arrivati in classe la Prof.ssa Tranchina ci ha letto una storia e noi, dopo, abbiamo illustrato il personaggio che volevamo essere. Dopo l’intervallo è entrato in classe la Prof.ssa di Inglese e ci ha fatto finire il lavoro. Alla fine è entrata la Prof.ssa Moggian e ci ha spiegato cosa avremmo fatto oggi. Mi sono divertita molto anche se so già che quest’anno sarà impegnativo" (ALESSANDRA CROTTI)

“La mia prima impressione è che mi sono divertita molto ed è stato bello” (MARTINA SEVA)

“Il mio primo giorno di scuola è stato bellissimo perché ho conosciuto nuove insegnanti e nuovi compagni e abbiamo fatto troppe cose insieme” (OUMAIMA BOURTAL)

“Ieri per me è stato un giorno fantastico. Mi sono divertita molto e mi è piaciuto, soprattutto, incontrare i miei compagni” (GRETA FARIOLI)

"Wow!! Non pensavo che le medie erano così belle. Gli intervalli sono i miei preferiti." (anonimo)

"Il primo giorno è stato fantastico e spero che tutti gli altri siano così." (anonimo)